Non sono una persona sana di testa. Tutto ciò che trovate scritto e che leggete è frutto e succo della mia testolina malata nonchè attimi della mia vita. Siete gentilmente invitati a sbirciare in queste pagine, commentare e non 'spacciare' in rete le cose come vostre..

p.s.: parte delle foto/ immagini presenti sono prese dalla rete.


Per qualsiasi zozzeria volete inviare questa è la mail:

fotoxblog@gmail.com

Buona lettura

.

.
A tutti quelli che vorranno lasciare un commento : siete pregati di ''firmarvi'' altrimenti risulterete tutti anonimi.
Infinitamente Grazie!

Jingle Balls e Merry Fuffa

iniziamo con le prime foto Jingle Balls e Merry Fuffa!





invito a mandare altre foto addobbate alla mail:


fotoxblog@gmail.com









BUONE FESTE






puntine intelligenti
















------------------------------------------------



smalto nero








------------------------------------------------------------------





campanellina



---------------------------------------------------------------------




barba e cappella



----------------------------------------------------------------------------------------


neve sulle colline







-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


fuochi in carnia











addobbi natalizi _reloaded_


Natale è alle porte, decorazioni invadono strade e negozi, casa nostra è ancora spoglia di lustrini e luci intermittenti.
E' domenica pomeriggio, stanca di una giornata di lavoro mi sdraio sul divano a guardare un po' di tv. Tu scendi in taverna a prendere lo scatolone dell'albero e tutte le nostre decorazioni. Lo appoggi sul tavolo della cucina e ti avvicini a me. Mi porgi la coperta perchè già sai che a momenti mi appisolo. Rannicchiata sotto il caldo pile inizio a toccarmi a tua insaputa, o almeno credo, dato che continui a srotolare festoni e luci. Le mie gambe si stanno attorcigliando, le smorfie sul viso sono inequivocabili e singhiozzanti gemiti stanno per uscire dalla mia bocca. Ti giri e i tuoi occhi son fissi a guardarmi, noncurante continuo anche mentre ti riavvicini, allunghi la tua mano sulla mia e di colpo me la scosti. Sperando in un tuo andare avanti, mi vedo negare questo piccolo piacere, e mi sussurri dolcemente
''prima dobbiamo finire l'albero''.
Sbuffando per la stanchezza e per il lavoro lasciato a metà inzio a fare la finta pin-up con i festoni colorati. Ne prendo uno e lo avvolgo al collo come fosse un boa di piume, un'altro me lo passo sulle braccia mentre i miei fianchi si muovono in modo sensuale. L'ultimo, quello rosso me lo faccio schioccare sulle natiche come fosse una frusta.
La tua espressione tra il sornione e l'incredulo mi da coraggio e senza nemmeno tanto pensare continuo il mio spettacolo.
La scatola delle palline blu è già aperta sul tavolo, ne prendo una e inzio a passarmela sulla bocca, la lingua inizia a lucidarla proprio come faccio con i tuoi testicoli, girandola e prendendola tutta in bocca.
La tua eccitazione si intavvede dai pantaloni della tuta. Oramai son accaldata e inizio a togliermi il maglione rimanendo in reggiseno e, facendo finta di non averla notato il tuo stato interessante, continuo a fare l'indifferente provocandoti ulteriormente.
Prendo la punta dell'albero e sdraiata sul tavolo me la passo tra i seni come è mia consuetudine fare con la tua asta, dapprima solamente strusciandola, poi anche stringendola fino quasi a nasconderla.
I tuoi occhi evidenziano ancor piu' il tuo eccitamento e le tue mani son ormai sul mio corpo. Con una zampata sposti tutte le decorazioni dal tavolo, lasciandolo spoglio con solo me sopra.
Mi svesti facendomi rimanere con il boa al collo che servirà a coprirmi gli occhi. Sento  passi nella stanza, sento il tuo respirarmi all'orecchio e sfere fredde passarmi sulle gambe. Brividi di freddo si alternano a brividi di passione, il mio corpo inizia a vibrare e forme sconosciute passano sulla mia pelle. Continui non so per quanto tempo, l'adrenalina del non sapere cosa mi sta dando tanto piacere amplifica le sensazioni.
D'un tratto mi sento invadere la fica, una scossa fredda mi attraversa corpo cuore e mente e senza poter dire niente la tua carne ha già profanato il mio fiorellino.
Non ricordo altro..solamente il mio urlo e il tuo stantuffare all'unisono di jingle bells proveniente da un carillon caduto accidentalmente.












di belle foto me ne sono arrivate..
che ne dite di fare un post natalizio addobbandovi?




mail:  
fotoxblog@gmail.com






dedica ad un amico



se fossi Babba Natale
non te lo farei trovare 
sotto l'albero







ma tra le tue lenzuola



questa sera




questa sera vorrei che tu mi prendessi 
e mi alzassi sul tavolo della cucina,
allargassi le mie gambe e sgrufugnassi il tuo viso tra le mie cosce,
poggiando le tue labbra sulle mie
esplorandomi ovunque e usando  tutto ciò che la tua testolina saprà trovare utile.




ma per ora, 
tu che attendi nella saletta del dentista,
non ti preouccupare,
inizierò da sola.






filo



ci lega 

solamente

 un filo










tra le tue dita


lascia posto anche alle mie


e la festa inizierà



peccato che lei non abbia le dita curate.. altrimenti era una bellissima foto!



gentilmente inviatemi da Pisolo delle foto che rendono meglio:
















Grazie Pisolo

;-)




piove



e una buona cioccolata calda 
con i biscotti 
è quello che ci vuole 
dopo una sgrillettata!





Buona giornata!

osservatrice

oggi vorrei rimanere in un angolo
seduta su d'uno sgabello
quasi in disparte 
e osservare la devozione 
d'un uomo
mentre lo succhia ad un altro uomo.


guardare ed osservare.

null'altro.









come bacio io





ero ferma al semaforo nel centro studi.
guardavo le pseudo coppiette di ragazzi che si sbaciucchiavano come non ci fosse un domani.


li guardo.

li osservo attentamente  e penso a come bacio io.


quasi sempre comincio io.
si.
all'inizio sfioro le labbra,
labbra su labbra,
gliele faccio dischiudere all'unisono con le mie,
la punta della lingua, tra i miei denti
 che chiede di sfiorare le sue labbra,
di leccare l'altra lingua,
di sentire il ruvido delle nostre lingue una contro l'altra,
una lenta danza cadenzata dal battito cardiaco accellerato
e dall'emozione dell'amore.
prendere la sua lingua tra le mie labbra  e succhiarla come fosse un cazzetto, dentro e fuori, stringerla e di nuovo dentro e fuori, lentamente finchè riesco ad averla tutta dentro la mia bocca e ci baciamo come carpe nel lago.



semaforo verde.


i ragazzi  stanno ancora frullando le lingue. 
ma non come faccio io.



ingrano la prima e riparto verso casa.






il postino





Me lo sento..

oggi arriva il pacco.

Staremo a vedere le figure dimmmerda 
e la faccia paonazza che avro'!!


Spiersul.. preparati!

;-)







H A L L O W E E N


BUON HALLOWEEN













.. due streghette senza tempo

Ava Gardner


Gloria Saunders






.. e non pensate tanto al costume .. 
tanto verrà strappato!!






.. e anche  questo ci voleva !!!


per spiersul

condivisione



Se c'è una cosa che mi piace 
davvero condividere
è il ditalino.





Condividere un piccolo spazio,
estensibile e accogliente,
due dita mie e due tue 
e portarmi in paradiso
tra gemiti e sussulti.

uggiosa




affacciata alla finestra 
vedo alberi multicolori.
foglie gialle e rosse
poche ancora le foglie verdi rimaste.
da dieci minuti piove.

lacrime d'acqua rigano i vetri.

quasi quasi seduta su questo divano
in compagnia del battito della pioggia
mi dedico a me stessa
rigando l'alcantara ad ogni orgasmo.






















l'ora legale



Con l'ora legale
ricordatevi di metterlo un'ora dietro.







e non solo
l'orologio





curvy



Sono tonda e cicciottella
ma mi piace la Nutella
La cellulite non mi manca
e la mia bocca di masticà 
non è mai stanca
Dolcetti e patatine
coca cola 
e la mia pancetta vola
Ma che me frega,
si campa già a fatica
di certo non mi tolgo 
i piccoli piaceri della vita!!













(testo trovato in rete.. ma che mi calza a pennello!!)




x






sentire la tua cappella 
sfiorare , annusare e spingere
tra le mie cosce,
quel poco per farti 
aprire le labbra
e poi invadermi.
sbatterci e fotterci
come in una discesa 
sul carrello delle montagne russe .



foto dalla rete







questo voglio.

adesso

vorrei






vorrei..
vorrei poterti abbracciare
sollevarti quel tantino da terra
così che ti senti volare,
sfiorarti le labbra 
e scrivere una poesia dentro la tua bocca,
vorrei poterti stringere a me
e graffiarti la pelle
lasciandoti i segni,
vorrei prenderti per i capelli
e darti la mia carne
da mordere, ciuppare, slinguazzare.

vorrei tu fossi qui,
nell'attesa mi inganno
inarcando la schiena,
usando mani e fantasia










pissing




Ho deciso.



questo fine settimana gli chiederò 
una pisciata addosso.



si.. beh.. che cazzo.. 
farà anche un po' schifo..
ma vedere un uomo in piedi 
che piscia 
mi piace.
Magari le prime volte 
solo sul corpo,
certo, non in viso o in bocca!!
perlamiseria!!

Ma poter vedere il getto 
appena esce
mi manda il cervello in confusione.


Forse..meglio ancora di una sborrata.





Forse.. xkè in fondo in fondo..
vorrei poterlo sbandierare anche io
mentre scrivo t'amo sulla sabbia!





sgrillettandomi



Sapete tutti quanto sono timida
e con questo video spero di vincere le mie paure 
nel mostrarmi a voi.




video





commenti gentili
peCCChè son timiderrima.

:-)


Grazie





week-end



Tempo per noi ne abbiamo sempre poco.
Questo fine settimana ti costringo a prendere l'auto e fuggire, fuggire da questo paesino dove tutti sanno tutto degli altri. A te la scelta del luogo dove trascorrere una giornata assieme.
Alle sei di questa mattina sei venuto a svegliarmi con dolci carezza e languidi baci sul collo. Cosa ben corrisposta da me vista la voglia di averti al mio fianco per tutta una giornata. Lingue contorte, mani intrise di umori e corpi sudati sono stati proprio un bel risveglio. Ci vestiamo dopo una bella doccia rinfrescante e non sapendo ancora dove mi avresti portato ti chiedo come vestirmi. Mi imponi di rimanere senza intimo ma mi consoli dicendomi che saremo andati lontano da qui, almeno 200km e che avrei potuto osare nella maniera piu' smisurata. Mi affaccio alla finestra, osservo il cielo, nuvole ovunque che non promettono bene; guardo attorno e scruto i 200km che ci circondano. Con un flebile filo di voce ti sussurro 'Austria?'. Annuisci. Senza nemmeno farmi paranoie prendo la nuova gonnellina che mi hai comprato. Già, è corta, anzi cortissima ma a pensare come arrivano gli austriaci e i tedeschi da noi in ferie, poco mi interessa di aver ancora le gambe un po' grosse e con il solito sorriso che mi contraddistingue la indosso con dei leggins e una canottiera leggera che contorna il mio seno. Saliamo in auto e ci dirigiamo verso l'autostrada. I tuoi occhi non guardano molto la strada ma son distratti dal mio nuovo look facendoti sorridere e scuotere il capo. Certo, da quando ho buttato giù un po' di chili in certe cose oso di più, oso nel mettermi una gonnellina striminzita a contornare la mie cosce ancora in carne, oso una canottiera che a sforzo contiene il mio seno e ti accorgi ma non ti meravigli che oggi son senza reggiseno. Capezzoli che si inturgidiscono appena azioni l'aria condizionata, le mie gambe che si aprono, il tuo sguardo sempre più assente dalla strada. Al primo autogrill ci fermiamo a fare benzina e io approfitto per far tappa alla toilette. Ovviamente, come ben tutte le donne sanno nelle toilette manca sempre la carta, e , sinceramente di andare a fare una scampagnata con la passera che sa di pesce non è confortevole. Quindi, dopo aver finito il mio primo pensiero è stato quello di riuscire a pulirmela al meglio. Visto che non c'è nessuno approfitto per darmi una sciacquata nel lavabo che sta a fianco dell'uscita. Balzo sopra il marmo bianco per riuscire a darmi una rinfrescata alla buona. Mentre prendo una salvietta per asciugarmela vedo la maniglia della porta d'ingresso che si abbassa e una ragazza dall'aspetto divertito entrare. Dopo un attimo di imbarazzo le faccio un sorriso come per scusarmi del gesto. Scendo mentre la vedo entrare nei servizi. Io mi sistemo i leggins e manco farlo apposta noto un buchetto giusto sul cavallo. Ci mancava solo questo! Sconsolata ed eccitata allo stesso momento, dato il divieto di stamane sorrido, mi sistemo i capelli e passo un velo di lucidalabbra. La ragazza esce mentre io mi sto asciugando le mani sui soffioni a muro. Lei dietro di me aspetta il turno e con molta disinvoltura si complimenta della vista che ha avuto all'entrata. Arrossisco imbarazzata come non mai, ma divertita nello stesso tempo le faccio l'occhiolino e mi dirigo verso l'auto dove mi attendi con delle birre in mano. Partiamo e mentre sorseggio la birra ti racconto dell'accaduto: la carta finita, il lavaggio, il buco sui leggins nuovi e della ragazza. Dalle tue labbra carnose un'altro sorriso illumina il tuo volto e con dolcezza mi dici '' so che sarebbe di nuovo il tuo sogno''. La tua mano mi sfiora la coscia e dolcemente sale verso l'alto. Un po' indispettita per il buchetto che avevo notato pocanzi ma molto eccitata ti lascio fare. Con le dita tutt'altro che delicate in quel momento ti sento sempre piu' insistente e nemmeno tempo per dirtelo uno 'straap' lacera del tutto le calze.
Adesso mi ritrovo con una gonna troppo corta per essere indossata da sola e dei leggins rotti.
'Tanto gli austriaci son sempre peggio vestiti di noi, e poi, basta che cammini normalmente e nessuno se ne accorgerà' mi dici in tua discolpa. Sorrido e ti lascio continuare.
La folle velocità con cui ci stiamo dirigendo verso una meta ancora sconosciuta, le tue dita che continuano ad esplorarmi, il soffio dell'aria tra le mie cosce e il sole che dal tettuccio batte sulla mia testa già alleggerita dalle due lattine appena scolate mi sembra di vivere in un piccolo sogno dove tutto, per ora, fila liscio.
Poco meno di due ore di viaggio son volate facendomi rinascere piu' volte. Scendiamo e ci dirigiamo verso il centro del paesino. Aria incontaminata e gente sorridente. Il sole ora è alto nel cielo e fortunatamente si prospetta una bella giornata. Passeggiando ci scambiamo sguardi e baci attirando l'attenzione degli altri passanti mentre guardiamo le vetrine dei negozi. Ti faccio fermare quando un sassolino mi è entrato nelle scarpe. Sorreggendomi per un braccio per non farmi sbilanciare continui a stuzzicarmi facendomi il solletico lungo la schiena. Noto che dalla vetrata dietro a me una ragazza sorride con aria compiaciuta. Ricambio il sorriso pensando ad un gesto di simpatia. Tu non intravedi da subito la ragazza ma sei proprio davanti alla vetrina a guardare gli occhiali esposti. Scorgi un paio che ti piace e mi inviti ad entrare per dare una sbirciata. Riesci a scambiare quattro chiacchiere con la commessa in un mezzo tedesco intervallato da un inglese imperfetto, ma alla fine riuscite a capirvi anche solamente a gesti. Io seduta su una poltroncina di vimini ti osservo indossare varie montature differenti e mi accorgo che mentre la ragazza ti esibisce vari modelli continua a dirigere lo sguardo su di me. Facendo finta di non averla vista, inizio ad ondeggiare le mie gambe sui tacchi. Il vedo-non-vedo dei leggins rotti non se l'aspettava e oramai il suo sguardo è tutto per me, per le mie gambe, per la mia fessura che ancora vogliosa emana profumo di te e di me. Continuo il mio ondeggiare cercando di distrarti dall'acquisto fino quando lei, con molta riservatezza e cercando di farsi capire con un cenno di testa mi fa intuire che c'è la telecamera che registra per controllare eventuali furti di merce. Uno sguardo a tutti e due ci fa capire che a lei non dispiace la visione e tendendomi la mano mi invita in un'altra stanza appartata. Dice 'nichts kamera'. E da allora il ricordo confuso di cio' che è accaduto si mescola ad un sogno ad occhi aperti. Le sue mani sulla tua patta, le mie dita accarezzavano i suoi piccoli seni, le tue dita che continuavano ad entrare e uscire facendomi fare le fusa come una gatta. Mentre ti bacio il collo e lei ti ... l'asta ti chiedo se posso averla tutta per me..almeno per ora. I suoi lunghi capelli corvini legati in una coda sono ora tra le tue dita. La sollevi come una bambola e la fai stendere sul tavolo pieno di libri e cataloghi delle nuove mode, le sfili i pantaloni di un giallo paglierino e le togli anche il camice bianco. Lei lì, ferma e quasi inerte attende di sfogare la sua voglia. La guardo. Un'intimo bianco raccoglie le sue labbra gonfie, il pizzo contorna una nera peluria riccioluta ma curata. Non resisto alla visione e mi ci tuffo con tutta la faccia. Alterno le mie dita alla lingua che si curva in ogni sua piega, ogni minimo pezzo di quella meraviglia viene sapientemente sfiorata dalla mia carne. Golosa del suo fluido e vogliosa ti invito a pertecipare e senza farmi aspettare sei già pronto per prendermi da dietro. Ad ogni tua spinta corrispondeva una mia entrata in lei, le mie dita oramai piene dei suoi umori sembravano il prolungamento della tua penetrazione, le mie labbra si univano alle sue mentre cercavo di trattenere i suoi gemiti. I suoi capezzoli turgidi venivano strizzati dalle tue grandi mani e in un unisono di gemiti sento un tuo primo fiotto innondarmi dentro. Ti fermo, mi giro e continuo con la bocca. Sai bene che di te non sprecherei nemmeno una goccia! Con la coda dell'occhio la vedo scendere dal tavolo e sento le sue dita entrarmi. Lei è brava, ma mai quanto te, mi lecca bene e intuisco che mi bacia anche il fiorellino. Tu allarghi i miei glutei e sento la sua ruvida lingua strofinare energicamente. Non so bene cosa successe, mi ritrovai a gorgheggiare e godere nello stesso momento mentre il respiro e le gambe venivano a mancare. Sollevi il mio volto e mi dici ' è realtà, non solo un sogno'.
Rivestendomi alla buona mi prendi in braccio e mi posi sulla sedia di vimini. Sfili il portafoglio e paghi gli occhiali. Intravvedo i suoi occhi gonfi e una lacrima scende bagnando il suo bianco viso. Le faccio un sorriso e col dorso delle mie dita le asciugo il rigolo sul volto. Mi prendi la mano e abbracciati usciamo dal negozio mentre lei, forse non ancora coscente dell'accaduto ci saluta con un 'danke'.
Risaliamo in auto, diretti verso l'autostrada con un sogno divenuto realtà, una birra in mano, un paio di occhiali nuovi e un pezzo d'anima dell'Austria.






richieste d'uomo


Questo video è una cosa fantastica!!
Ascoltate bene le richieste di questo uomo.


video



Non lo vorrei dire in giro.. ma me ne sto innamorando!!


buhauahuahuahaua

:-)




( il video è stato preso dalla rete.. se siete il _presunto_ attore contattatemi .. x toglierlo non x altre richieste )



influenza




Ho quella sensazione 
di influenza.








Prima d'influenzarmi
prendo sempre un po' di sciroppo!!!!



Nel dubbio !

:)






viste le numerose  richieste
ho deciso di pubblicarla.



Spero vi piaccia!












il buco del cd



MI SONO SEMPRE CHIESTA CHI ABBIA INVENTATO QUESTA DIAVOLERIA!!






chi indovina il titolo del cd?












petit cadeau